Archivio della categoria: Senza categoria

Stagione di Prosa 2011

UN VIAGGIO ATTORNO ALL’UOMO E ALLE SUE PASSIONI

RIPARTE LA STAGIONE DI PROSA

dal 27 gennaio al 6 aprile 2011

E’ stata presentata oggi in conferenza stampa alla presenza di Massimo Alfarano, Assessore alla cultura del Comune di Lecce, Nicola Elia dirigente del Settore Cultura del Comune di Lecce, Carla Guido, direttrice artistica del Teatro Paisiello,  Carmelo Grassi presidente del Teatro Pubblico Pugliese, la stagione di prosa 2011 del Teatro Comunale Paisiello di Lecce.

Il cartellone quest’anno si compone di 5 spettacoli in doppia replica (2 turni d’abbonamento) e  propone un viaggio intorno all’uomo: la sua forza di amare, la sua forza di odiare, quindi le capacità creative e distruttive di cui è attore.

“La terra è la sorgente ultima di qualsiasi alimento dell’uomo” è una citazione di John Dewey che ci ha fatto molto riflettere, ed è proprio al tema del rapporto fra uomo e natura che è affidata l’apertura della stagione 2011 con lo spettacolo “ARK” della compagnia canadese Arsenal (27 e 28 gennaio ). Il titolo ci suggerisce come ognuno di noi, oggi debba riempire la sua arca, uno spettacolo intenso non solo per il forte messaggio ma anche per la complessità tecnica che unisce il mondo circense a quello multimediale,  dove la creazione musicale è al centro degli incontri nei giochi tridimensionali, nello spazio di linguaggi metaforici [foreste, acquari, animali,] attraverso il virtuosismo poetico fisico. “Ark” è uno spettacolo senza parole perciò un linguaggio universale che implora l’amore per la natura.

Secondo spettacolo internazionale è “DIVINO TANGO: la passione!” (4 e 5 febbraio) Il tango racconta la vita, è divino secondo Adrian ed Erice Aragon, autori di questo bellissimo spettacolo, poichè ci aiuta ad indagare dentro di noi e conoscere ciò che sentiamo tra anima e cuore. Sensualità, eleganza ed emozione, compongono lo spettacolo in due capitoli, si parte dalla lotta fra i generi: da una parte il potere di seduzione della donna e dall’altra la violenza dell’uomo sulla donna, ma attraverso il tango si può imparare il rispetto e il dialogo fra i due sessi”.

“L’amore non guarda con gli occhi ma con la mente e perciò l’alato cupido viene dipinto cieco” recita la sfortunata Elena di “SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE” di William Shakespeare (10 e 11 febbraio) che un’altra giovane formazione internazionale, Factory compagnia transadriatica, per la regia di Tonio De Nitto, presenta come terzo appuntamento della nostra stagione. Uno spettacolo frizzante, che mixa lingue e linguaggi, tra il pop e il cartoon, senza tradire l’ambiguità del testo shakespeariano, l’amore si, giovane e spassionato, ma anche gli scherzi del destino e le allusioni ad una dimensione di prevaricazione nascosta dietro il rapporto amoroso.

Nel cartellone e nel nostro viaggo incontreremo ancora una volta Shakespeare con una straordinaria versione di “OTELLO” (2 e 3 marzo) per la regia di Arturo Cirillo, premio della critica 2010, prodotto dal Teatro Stabile delle Marche e Teatro Eliseo di Roma.

Invidie, gelosie, discriminazioni, pregiudizi trasformano una grande storia d’amore in una storia di odio, generando dolore e morte. Un testo sempre attualissimo, con una moderna e raffinata regia che evidenzia  in quest’ opera quanto il nemico sia dopotutto in noi stessi.

Si conclude la stagione con un altro capolavoro classico, “LA SCUOLA DELLA MOGLI” di Moliere (5 e 6 aprile) . La commedia oggetto di scandalo ai tempi dell’autore non ebbe vita facile. Tema indiscusso è il tradimento sentimentale, “le corna” e Valter Malosti regista e interprete che abbiamo apprezzato qualche anno fa nella bellissima trasposizione del poemetto shakespeariano Venere e Adone, restituisce al testo il carattere di magistrale farsa con un accuratissimo allestimento e una preziosa ricerca musicale.

Un invito in fine, a condividere questo importante viaggio tra eterne tematiche, vecchi e nuovi linguaggi, in compagnia di artisti, di attori che, per citare ancora il grande Shakespeare dell’Amleto, sono gli unici onesti ipocriti.

Spettacoli in Cartellone:

27 e 28 gennaio 2011

L’Arsenal
L’ARCA (The Ark)
arte circense, musica, danza e multimedialità
da un’idea originale di Reggi Ettore e Lorena Corradi
musiche Denis Gougeon
concezione e realizzazione multimediale Pier Chartrand, Bernard Duguay
regia JULIE LACHANCE

Nato in occasione dell’Anno Mondiale della Biodiversità (2010), lo spettacolo mette insieme arte circense, musica, danza e  multimedialità per celebrare, emozionando, la Natura ed analizzarne i pericoli che la minacciano. Acrobati, musicisti e paesaggi visivi in movimento creano un universo incantevole e unico. Un messaggio di speranza per il nostro pianeta

4 e 5 febbraio 2011
Aragon Boaglio Producciones S.A
Adrian Aragon- Erica Boaglio
DIVINO TANGO
Pasion del sér urbano
Adrian Aragon, Erica Boaglio & Pasiones Company
Regia di ADRIAN ARAGON

Uno spettacolo elegante, sensuale e di alto impatto emotivo. Dove il filo della storia ci porta alle meravigliose ed affascinanti scene di una Argentina viva, piena di speranza. Uno spettacolo mozzafiato, che fulmina i sensi. Classico e contemporaneo al tempo stesso, con una messa in scena superba, agile e struggente. Storie in bianco e nero, o colorate dalla passione. L´eros sottilmente presente quando la coppia va oltre al ballo… e il ballo è una conseguenza di due corpi che ci suggeriscono il dopo.

10 e 11  febbraio 2011
Factory Compagnia Transadriatica
SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE
di William Shakespeare
con  Angela De Gaetano, Chiara De Pascalis, Enrico Di Giambattista, Nikola Krneta, Milivoje Lakic, Ana Mulanovic, Luca Pastore,  Andrea Simonetti, Fabio Tinella
luci di Davide Arsenio
costumi di Stefania Miscuglio
elementi di scena Francesca Carallo
regia di TONIO DE NITTO

Come al Sogno shakespeariano questa rilettura mette al centro l’amore capriccioso. Come in un grande cartoon gesti meccanici e intrecci amorosi burattineschi, creature indefinibili e improbabili attori prendono parte ad una tragicomica commedia. Nove interpreti provenienti da diversi Paesi restituiscono con le loro lingue di appartenenza i differenti piani dell’azione scenica del testo originario.

2 e 3 marzo 2011
Teatro Stabile delle Marche – Teatro Eliseo – Teatro Nuovo srl
OTELLO
di William Shakespeare
traduzione di Patrizia Cavalli
con Salvatore Caruso, Arturo Cirillo, Michelangelo Dalisi, Rosario Giglio, Danilo Nigrelli, Monica Piseddu, Luciano Saltarelli, Sabrina Scuccimarra
scene di Dario Gessati
costumi Gianluca Falaschi
luci di Pasquale Mari
assistente alla regia Tonio De Nitto
regia di ARTURO CIRILLO

La tragedia della parola che inventa luoghi, costruisce sentimenti e determina l’agire dei personaggi. Tutto l’Otello si gioca coinvolgendo pochi individui che si confrontano ossessivamente tra loro mentre la gelosia divora come un tarlo tutto sul suo cammino. L’Otello è il luogo del tradimento, il palcoscenico immaginario, ma non per questo meno reale, della gelosia, dell’atto animale.

5- 6 aprile 2011
Teatro di Dioniso
Valter Malosti
MOLIÈRE / LA SCUOLA DELLE MOGLI
uno spettacolo di VALTER MALOSTI
con Valter Malosti, Mariano Pirrello, Valentina Virando, Giulia Cotugno, Marco Imparato, Fausto Caroli, Gianluca Gambino
suono Gup Alcaro
costumi: Federica Genovesi
scene: Carmelo Giammello
luci: Francesco Dell’Elba
assistente alla regia: Elena Serra

“Stabilito che La scuola delle mogli non è una semplice farsa, va detto anche che la farsa deve conservarsi, perché se non si fa ridere con questo testo, si fallisce.” Così Valter Malosti si accosta per la prima volta a Molière e produce una pièce “visionaria”, dove il delirio del protagonista a fine commedia si trasforma in un’autentica rovina di cui egli stesso, Arnolfo, ne è artefice. La lingua e le parole di Molière qui sono veri e propri costumi, abiti verbali, che offrono infinite direzioni di lavoro, come l’abbassamento del linguaggio in Arnolfo e la conquista della parola nella piccola Agnese.

Teatro Paisiello di Lecce

ABBONAMENTO A 5 SPETTACOLI (posto fisso)
TURNO A e B
PLATEA € 90,00
PALCHI € 65,00
PALCHI RIDOTTO € 40,00
PREZZI DEI BIGLIETTI
PLATEA € 20,00
PALCHI € 15,00
PALCHI RIDOTTO € 10,00
LOGGIONE € 7,50

Condizioni generali di abbonamento e riduzioni
La tessera di abbonamento non è personale e dovrà essere esibita quale titolo d’ingresso al personale di sala.
Gli abbonamenti ridotti saranno concessi esclusivamente ai ragazzi fino a 18 anni, agli studenti universitari ed alle persone di oltre 65 anni. I biglietti ridotti saranno concessi esclusivamente ai ragazzi fino a 18 anni, agli studenti universitari, alle persone di oltre 65 anni ed ai possessori di IKEA FAMILY CARD, Puglia University Card, AgisCard. I documenti attestanti il diritto alla riduzione dovranno essere esibiti all’atto della prenotazione e, a richiesta, al personale di sala. Le riduzioni non sono cumulabili.

Per gli studenti Universitari l’A.di.s.u. mette a disposizione biglietti d’ingresso al costo di 5 euro da acquistare direttamente presso la sede ADISU Lecce in via Adriatica e da commutare per l’assegnazione del posto al Botteghino del teatro o presso il Castello Carlo V.

Vendita dei biglietti e degli abbonamenti

La prevendita di biglietti e abbonamenti si terrà presso il Castello Carlo V (via XXV Luglio – tel. 0832.246517) tutti i giorni dalle 9,30 alle 13,00 e dalle 16,30 alle 20,00. Il giorno di spettacolo la chiusura della prevendita sarà alle ore 19,00. Il botteghino del Teatro Paisiello sarà aperto la sera di ogni spettacolo a partire dalle 19,45.

Orario delle rappresentazioni
Serali: porta ore 20,30 – sipario ore 21,00
Non sarà consentito l’accesso in sala a spettacolo iniziato.

Il presente programma potrà subire variazioni, indipendenti dalla volontà degli organizzatori, che saranno comunicate tempestivamente secondo gli usi.

Maggiori Informazioni

tel.0832.246517
Numero Verde: 800.215259
www.comune.lecce.it

www.teatropubblicopugliese.it/leccecomune
teatropaisiello@gmail.com

Castello Carlo V
via XXV Luglio, Lecce
Teatro Paisiello
Via Giuseppe Palmieri – Lecce